La morte non implica automaticamente che tutti i vostri ricordi vadano persi. Almeno questa è l’idea della società californiana Nectome, che afferma di poter preservare perfettamente i cervelli dei clienti da utilizzare in futuro quando la tecnologia consentirà il trasferimento di tutte le informazioni in essi contenute su un computer.

Nectome sostiene che un giorno saremo in grado di esaminare il connettoma del cervello (le connessioni neurali all’interno del cervello) in modo così completo da ricostruire i ricordi di una persona anche molto tempo dopo la loro morte. Quel giorno al momento è ancora molto lontano, ma Nectome si offre di preservare il cervello delle persone in modo tale che quando questa tecnologia diventerà disponibile, potranno riprendere le loro vite come programmi per computer, o anche qualcosa di più.

Ma se l’idea di tornare alla vita, sia pure come qualcosa di immateriale come il software, potrebbe essere interessante per molte persone, il servizio offerto da Nectome ha un effetto collaterale non trascurabile. Come ammette apertamente il co-fondatore della compagnia, Robert McIntyrehe, il servizio è “100% fatale” per i clienti, il che significa che per preservare il connettoma, il cervello deve essere pompato con un cocktail di prodotti chimici imbalsamanti quando è ancora fresco. La procedura è quindi essenzialmente una forma di suicidio assistito con il beneficio potenziale di “tornare alla vita” un giorno.

Finora Nectome è riuscita a usare la sua controversa tecnica di imbalsamazione sul cervello di un maiale, conservandola così bene che ogni sinapsi al suo interno potrebbe essere vista con un microscopio elettronico. E anche se non ci sono prove concrete che questo sia sufficiente per preservare davvero i ricordi e altre informazioni nel cervello, le persone sono entusiaste dell’idea, al punto che molti sono disposti a pagare 10.000 dollari solo per essere presenti in una lista d’attesa. Il servizio infatti non è ancora disponibile e, a causa delle ovvie controversie e dei potenziali problemi legali.

Ken Hayworth, neuroscienziato e presidente della Brain Preservation Foundation, ha confrontato i cervelli preservato con il metodo Nectome con un computer spento.

Se il cervello è morto, è come se il computer fosse spento, ma questo non significa che l’informazione non sia presente”, ha detto Hayworth. “Parlando personalmente, se fossi di fronte a una malattia terminale probabilmente sceglierei l’eutanasia con questo metodo”.

Tuttavia, non tutti i neuroscienziati hanno commenti positivi per il servizio di conservazione del cervello proposto da Nectome. Alcuni lo considerano un’idea di business che sfrutta l’ossessione dei ricchi per la propria mortalità, mentre altri sostengono semplicemente che non esiste alcuna prova che la procedura possa effettivamente conservare i ricordi in essa contenuti.

No, la memoria completa di una persona non può essere ricostruita da una serie di micrografie elettroniche”, ha detto a Sam Gershman, un neuroscienziato computazionale della Harvard University. “È necessario conoscere i punti di forza sinaptici, se sono eccitatori / inibitori, varie costanti di tempo, quali neuromodulatori sono presenti, lo stato dinamico delle spine dendritiche. E tutto ciò sempre che i ricordi vengano veramente archiviati nelle sinapsi”.

 

 

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Specialisti garantiscono di essere in grado di conservare i contenuti del vostro cervello e i vostri ricordi. Ma il processo vi ucciderà.