Uno scoiattolo che è stato quasi ucciso otto anni fa da un gufo quando aveva solo quattro settimane, continua a visitare la famiglia della contea di Greenville, nella Carolina del Sud che l’ha salvato, curato e successivamente liberato in natura.

Nell’ottobre 2009 lo scoiattolo è rimasto gravemente ferito dopo essere stato attaccato da un gufo. Non sarebbe sopravvissuta per molto tempo da solo, ma fortunatamente, un gruppo di amanti degli animali selvatica è riuscito a trovarlo. I veterinari hanno salvato lo scoiattolo femmina, curato le sue ferite e alla fine la hanno affidata alle cure di Brantley Harrison e della sua famiglia. Gli Harrison non erano nuovi al salvataggio e alla riabilitazione di animali selvatici, ma, per qualche ragione, hanno formato un legame molto particolare con questo scoiattolo, che hanno battezzato Bella.

Bella non era abbastanza grande per essere rimessa in libertà in inverno, e così gli Harrison l’hanno tenuta con loro fino alla primavera, dove la hanno allevata insieme ad altri tre scoiattoli salvati, chiamati Larry, Moe e Curly.

Brantley ha detto che durante la riabilitazione di Bella non sembrava esserci niente di speciale nello scoiattolo. Non l’hanno trattata come un animale domestico, e Bella ha agito in modo simile a tutti gli scoiattoli precedenti che avevano riabilitato. Al tempo, Brantley pensava che una volta liberata Bella in natura, non l’avrebbero mai più rivista.

Nell’aprile 2010 Bella e gli altri scoiattoli erano finalmente in salute e Harrison ha deciso che erano pronti per tornare tra i boschi. Una volta aperta la gabbia si aprì, gli scoiattoli sono corsi via, e in una settimana tutti e quattro gli scoiattoli si erano riadattati alla natura.

Bella, tuttavia, non voleva lasciare la sua famiglia umana. Dopo pochi giorni dalla liberazione, ha iniziato a visitarli, in cerca di dolcetti. Brantley racconta che anche gli altri scoiattoli sono tornati nei primi giorni, come è normale, ma in una settimana avevano smesso di venire e avevano iniziato ad evitare le persone. Bella invece ha mostrato un atteggiamento diverso dal quello dei suoi simili.

“Bella siede davanti alla porta in attesa che qualcuno si accorga che è venuta a trovarci”, racconta Brantley. “Una volta si è perfino messa a saltare verso la finestra della sala da pranzo per sbirciare dentro, perché qualcuno potesse vederla”.

A Bella non piace essere accarezzata o accarezzata, ma è contenta di sedersi sulle ginocchia e mangiare spuntini. Il marito di Brantley, John, porta spesso a Bella delle noccioline mentre va al lavoro al mattino, dato che di solito lo sta aspettando vicino alla porta.

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Scoiattolo da 8 anni torna a trovare la famiglia che gli ha salvato la vita