Diverse decine di persone sarebbero morte nella città siberiana di Irkutsk nei mesi scorsi dopo avere bevuto del detersivo, nella speranza di avere effetti simili all’alcol. I rapporti parlano di un numero compreso tra i 33 e i 72 decessi.

L’uso di alcolici contraffatti o di sostituti a basso prezzo è molto diffuso nelle regioni più povere della Russia, dove la crisi economica ha colpito duramente: almeno 12 milioni di russi berrebbero almeno occasionalmente surrogati dell’alcol. Secondo alcune stime, addirittutra il 20% dell’alcol bevuto in Russia verrebbe da medicine e prodotti per la casa.  Intossicazioni, anche molto gravi, sono estremamente comuni, ma nonostante questo, quello di Irkutsk è probabilmente dell’incidente che ha avuto le conseguenze più tragiche.

La polizia di Irkutsk, capolugo dell’Oblast’ di Irkutsk, ha arrestato due persone accusate di avere venduto il detersivo, anche se non è chiaro quale sia il capo d’accusa. Il flacone del prodotto specifica chiaramente che il contenuto non deve essere ingerito, ma chi l’ha comprato ha ignorato l’avvertimento e l’ha bevuto come fosse un alcolico. Gli investigatori stanno accertando se chi ha venduto il detersivo lo abbia proposto come sostituto “low cost” della vodka, oppure se berlo sia stata un’iniziativa degli acquirenti.

A spingere le persone a usare il detersivo come bevanda ci sarebbe il fatto che tra gli ingredienti ci sarebbe anche l’alcol. Apparentemente la ricetta del detersivo sarebbe stata cambiata nell’ultimo periodo, con l’etanolo sostituito dal metanolo: un cambio per contenere i costi e che però avrebbe avuto conseguenze tragiche ed inattese per chi apparentemente già da tempo usava questo detersivo in modo non previsto dai produttori.

 

news

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Bevono detersivo perché l'alcol costa troppo: 50 morti in Russia