Sono in molti ad accusare i videogiochi e la televisione di essere la causa della violenza nei giovani. Diversi studi hanno messo in dubbio che questa correlazione esista (anzi, i videogiochi violenti stimolerebbero l’intelligenza), ed un’ulteriore ricerca la smentisce ulteriormente.

Lo studio realizzato da un ricercatore della Stetson University è degno di nota in quanto è stato usato un metodo diverso dagli altri studi condotti, andando ad analizzare le serie storiche dei tassi di criminalità e di violenza nei film e nei videogiochi.

Per quanto riguarda i film, è emersa una leggera correlazione tra la violenza dei film e quella “reale” a metà dell’XX secolo (probabilmente perché i film tendono a rispecchiare il livello di violenza della realtà), correlazione che però si inverte all’inizio e fine del secolo.

Per quanto riguarda i videogiochi, invece, all’aumento della loro violenza è associata una diminuzione della violenza giovanile. L’autore sottolinea che non c’è una dimostrazione di casualità tra i due fattori (insomma non si può dire che la violenza giovanile sia diminuita perché la violenza dei videogiochi è aumentata), ma indubbiamente emerge in modo netto il fatto che il livello consumo di “violenza virtuale” non è predittivo del livello di violenza nella società reale.

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Un altro studio conferma che i videogiochi violenti non causano violenza reale