La gestione delle manifestazioni è sempre una sfida per la polizia, che deve evitare che le cose vadano fuori controllo, dovendo evitare atti violenti di possibili facinorosi nei cortei, ma anche impedire che gli stessi agenti feriscano i manifestanti.

La polizia indiana, come soluzione, si è dotata di fionde e di polpette al chili. Apparentemente, queste curiose armi sarebbero molto meglio dei cannoni ad acqua e dei gas lacrimogeni (che colpiscono tutti i manifestanti indistintamente), e anche delle pistole armate con proiettili di gomma (che comunque possono causare ferite anche gravi).

Gli agenti del distretto di Hisar, nello stato indiano di Haryana, si stanno esercitando ad utilizzare le fionde per lanciare con precisione palline di chili, in modo da poter colpire solo chi effettivamente costituisce un pericolo tra i manifestanti, peraltro evitando comunque ferite gravi o lesioni permanenti.

L’annuncio della nuova, inattesa, arma ha sollevato qualche preoccupazione da parte di qualcuno che teme che, essendo dotati di armi meno pericolose, gli agenti potrebbero non farsi troppi scrupoli nell’usarle. Ma Anil Kumar Rao, ispettore generale della polizia del distretto, ci tiene a precisare: “Non è che intendiamo usare le fionde contro i manifestanti pacifici. Servono solo contro i soggetti ostili. Abbiamo però il dovere di intervenire quando ci sono danneggiamenti a beni pubblici. E questo è un passo molto positivo, un’arma civilizzata e ad un costo ragionevole. Ed è molto meglio dei proiettili di gomma, che possono causare lesioni gravi”. La polizia indiana era finita qualche tempo fa al centro di molte polemiche proprio in seguito al ferimento di numerosi manifestanti durante una carica, quando era intervenuta con proiettili di gomma.

news

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

La polizia indiana userà fionde e polpette di chili come armi antisommossa