Computer

I figli sono patiti di videogiochi violenti: padre li porta in vere zone di guerra

il vero aspetto di una zona di guerra

Un padre svedese ha deciso di insegnare una lezione importante ai due figli di 10 e 11 anni, fan sfegatati dei videogiochi violenti e di guerra, e stavano iniziando a considerare la guerra una cosa ‘figa’.  Per diverso tempo i due tormentavano il padre chiedendogli di compare loro l’ultimo gioco della serie di Call od Duty (che peraltro è chiaramente classificato “M”, cioè destinato ad un pubblico maturo e non dovrebbe essere fatto giocare a dei bambini).


Carl-Magnus Helgegren ha deciso che era il caso che i suoi figli si rendessero conto di cos’è la guerra veramente, e degli effetti che ha su chi vi si ritrova coinvolto: ha promesso che avrebbe comprato loro qualunque gioco avessero voluto, ma solo a patto che avessero fatto un viaggio assieme a lui di una decina di giorni.

la guerra non e un gioco

Il viaggio è stato in zone martoriate da guerre e scontri, e così li ha portati in Israele e Siria, perché potessero toccare con mano gli effetti della guerra e conoscere persone che dalla guerra sono state toccate.

Inutile dire che l’esperienza ha completamente cambiato i due ragazzini, che hanno capito che la guerra non è un gioco e anzi hanno deciso di impegnarsi per cercare di aiutare le popolazioni che soffrono.

Non tutti hanno però apprezzato il coraggioso gesto di Helgegren: “Ho ricevuto messaggi che mi definivano il peggiore padre del mondo, dicendo che ho traumatizzato i miei figli, che sono un bastardo pomposo, e anche che avrebbero dovuto bruciarmi con il napalm. Non me lo aspettavo. Ma questi sono i miei figli e faccio quel che penso sia meglio per loro. Quando siamo andati, la situazione non era quella di adesso, e non siamo mai stati in pericolo”, spiega l’uomo, che era già stato diverse volte in medio oriente, criticando inoltre quanti parlano e danno giudizi senza conoscere i fatti e i luoghi. “Se ci fossero stati pericoli, non avrei portato i mei figli”, chiarisce.

Loading...