Neil Harbisson è nato con una rara e grave forma di daltonismo che lo fa vedere solo in bianco e nero. “Per me il cielo è sempre grigio, i fori sono sempre grigi e la televisione in bianco e nero”, racconta il trentunenne.

Dieci anni fa Neil ha iniziato a sperimentare un caschetto che convertisse i colori in vibrazioni: “Da quando avevo 21 anni invece che vedere i colori posso sentire i colori. […] Adesso per me è del tutto normale sentirli. All’inizio dovevo memorizzare i nomi che voi avete per i colori e le note, ma dopo qualche tempo quest’informazione è diventata una percezione, e non devo più pensare alle note, è diventata una sensazione. Ho iniziato ad avere i miei colori preferiti, e a sognare a ‘colori’”, continua Neil.

neil harbisson - da dailymail.co.uk

In un certo senso il software e il cervello dell’uomo si sono nel tempo “uniti”: infatti nei sogni non era il software a creare i suoni associati ai colori ma direttamente il cervello.

Ora Neil ha convinto i chirurghi ad impiantargli direttamente nel cranio il sistema che prima indossava con il casco, in modo da avere una maggiore sensibilità e quindi migliorare la sua percezione dei colori, ora meglio distinta e definitiva.

La tecnologia impiantata dentro al cranio di Neil gli dà in un certo senso dei superpoteri: infatti, può ‘vedere’ anche colori invisibili all’occhio umano (come infrarossi e ultravioletti), ma potrebbe anche usare il sistema per comunicare con altri che lo avessero impiantato, in una sorta di trasmissione del pensiero, anche se essendo l’operazione cui si è sottoposto l’uomo finora assolutamente unica questa possibilità rimane teorica.

 

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Artista daltonico si fa impiantare un’antenna sul cranio per “sentire i colori”