Salute Sesso

Medico apre bordello per protesta

Stremato dal mancato sostegno delle autorità sanitarie, un medico neozelandese ha deciso di chiudere il suo studio e di aprire una casa di tolleranza. “Assolderò ragazze di classe per servire clienti locali e turisti – ha dichiarato il dott. Neil Benson – Si tratta di fornire un servizio professionale privato e di mantenere la riservatezza, che è quello che offriva il mio studio medico, il salto non è poi così grande.


Medico da 18 anni nel piccolo centro turistico di Coopers Beach, 350 km a nord di Auckland, Benson ha già ottenuto dalle autorità locali il necessario certificato di operatore di bordello. “Il progetto è molto controverso – ha dichiarato il dottore al giornale Northern Advocate – ma ho già ricevuto il sostegno degli uomini della cittadina”.

Tra gli abitanti di Coopers Beach c’è chi considera la casa di appuntamenti “abominevole” e dannosa per la reputazione della cittadina, e la maggior parte dei residenti crede che non potrà sopravvivere. L’obiezione più diffusa è che sarà estremamente difficile mantenere riservata la lista dei clienti. Fermamente contrario è il ministro anglicano locale, il rev. Bob Carr della chiesa di St. Andrew, che si prepara ad organizzare anche un picchettaggio del bordello: “E’ triste che il sesso sia venduto per denaro, perché penso che il sesso sia molto importante nella vita umana, sia la base della famiglia e usandolo in questa maniera lo si corrompe”.

Nel frattempo Benson prosegue per la sua strada. “Ho fatto tutto quello che era umanamente possibile per tenere aperto lo studio medico, ma non è stato possibile a causa della mancanza di sostegno dalle autorità, da parte dei colleghi e della comunità”, ha detto il dottore. La Nuova Zelanda ha legalizzato i bordelli nel 2003 ma la legge richiede che gli operatori siano muniti di regolare licenza. “Sono una persona di alta integrità morale e coscienza sociale, che gioca secondo le regole – ha spiegato infine Benson orgoglioso della sua nuova attività – Mi piace la gente e mi piace prendermi cura di loro, e questo continuerà nel mio nuovo business”.

http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo294297.shtml

Loading...