Un americano di 29 anni ha deciso di lasciare gli Stati Uniti e trasferirsi in un remoto villaggio nella giungla in India, così di non dover più preoccuparsi costantemente di rimborsare il suo prestito studentesco.

Come molti altri americani, Chad Haag ha dovuto fare affidamento su un prestito studentesco per pagare la sua istruzione universitaria, ma ha poi faticato a trovare un lavoro universitario dopo la laurea, e tornare a scuola per conseguire un master in letteratura comparata non lo ha aiutato. Il suo primo lavoro lo ha portato a scaricare i camion e poi in una catena di montaggio, poi ha lavorato come professore a contratto, ma con una sola classe assegnata per semestre, riusciva a malapena a mantenersi, figurarsi a rimborsare il prestito di 20.000 dollari. A un certo punto, lottare per pagare i 300 dollari mensili è diventato troppo stressante, quindi ha fatto le valigie, ha detto addio alla sua vita negli Stati Uniti e si è trasferito in un piccolo villaggio in India.

Il ragazzo ha detto alla CNBC che prima di trasferirsi in un paese dall’altra parte del globo, ha pensato di vivere in una grotta per sfuggire al prestito studentesco. E conosceva qualcuno che lo aveva fatto davvero, ma dopo averci riflettuto, ha deciso che emigrare in un paese lontano sarebbe stato meglio.

Adesso Chad vive in una casa nel villaggio di Uchakkada per soli 50 dollari al mese, e recentemente ha sposato una cittadina indiano, un professore in un college locale. Per quanto riguarda il suo prestito studentesco, semplicemente non se ne preoccupa più.

Direi che il debito non mi pesa come lo faceva in passato, nel senso che la maggior parte delle misure che potrebbero prendere contro di me sono diventate praticamente irrilevanti. Ad esempio, non possono neppure pignorarmi lo stipendio, dato che non ho più un datore di lavoro americano”, ha spiegato.

Anche se Chad stesso riconosce che il prestito studentesco da 20.000 dollari non è stato tanto oneroso quanto quello sostenuto da altri mutuatari, ha però spiegato che l’impossibilità di trovare un lavoro che gli avrebbe permesso di fare i pagamenti mensili di 300 dollari e di avere ancora abbastanza per vivere ha reso il tutto molto più stressante di quel che poteva sopportare.

Chad ammette che aver messo la sua vita in America alle sue spalle ha comportato alcuni sacrifici, ma nel complesso è molto contento della sua decisione di trasferirsi “Ho uno standard di vita più elevato in un paese del Terzo Mondo rispetto a quello che avrei in America, a causa del prestito che ho utilizzato, ha concluso Haag.

Gli esperti dicono che trasferirsi in un paese straniero per sfuggire ai prestiti agli studenti è rischioso, perché se poi volessero tornare negli Stati Uniti si troverebbero con il loro debito è più grande di prima a causa di interessi, spese di riscossione e ritardi. Tuttavia, sembra che molti scelgano questa opzione e ci sono addirittura siti Web di finanza personale che offrono persino delle guide su come trasferirsi in un altro paese.

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Studente americano vive nelle foreste dell’India per sfuggire al “debito studentesco”