Un distillatore australiano ha portato il concetto di riciclo ad un livello completamente nuovo prendendo il vino sputato in una conferenza di degustazione di vini e trasformandolo in uno spirito chiamato appunto Kissing a Stranger.

Peter Bignell, della Tasmanian Belgrove Distillery, ha avuto l’idea al festival Rootstock a Sydney, un raduno di produttori di vino provenienti da tutto il mondo che promuovono pratiche sostenibili nel settore enologico. Era in un gruppo a degustare vini, e come da tradizione nella degustazione del vino, la maggior parte di esso venivasputata in un secchio. Questa pratica consente agli assaggiatori di provare molti vini diversi evitando l’ubriachezza. Per Bignell, tuttavia, era uno spreco.

Odio gli sprechi, odio assolutamente gli sprechi”, ha spiegato l’uomo ai giornalisti. “Quel secchio nel mezzo della stanza con tutto lo scarto del vino e tutti gli sputi in esso, è uno spreco, che verrà buttato via. Ho detto ‘Se portassi a casa quel secchio e lo distillassi e lo portassi indietro l’anno prossimo, chi lo berrebbe?’ E penso che le mani di tutti si siano alzate”.

Bignell, che normalmente produce whisky di segale nella sua distilleria della Tasmania alimentata da biodiesel, si è accordato con gli organizzatori di Rootstock per raccogliere il vino dopo la conferenza, con l’obiettivo di distillarlo. “Abbiamo ottenuto 500 litri di vino”, ha detto Bignell. “C’erano pezzi di salatini e formaggio e un po ‘di birra lì dentro”.

Piuttosto che spedire i 500 litri di sputacchiera alla sua distilleria in Tasmania, Bignell ha trovato una distilleria più vicina all’evento e ha usato la loro attrezzatura per processare il vino. Dodici mesi dopo, Bignell aveva trasformato il vino sputato in uno spirito a 80 gradi battezzato “Kissing A Stranger” (“Baciare uno sconosciuto”), che avrebbe un sapore paragonabile al brandy non invecchiato. Ha portato la maggior parte della bevanda al Rootstock 2017, lo scorso novembre, ma ha anche lasciato alcune bottiglie ad invecchiare.

Le persone vanno in giro per degustazioni, versano un bel po’ di vino nel bicchiere, e ne bevono un po goccio, e poi ne vogliono provare un altro, così lo svuotano di nuovo”, ha detto Bignell al Guardian. “Stanno andando a raccogliere i secchi di nuovo quest’anno e continuano a farlo. Si tratta di sostenibilità”.

Potrebbe venire la preoccupazione che bere il distillato potrebbe essere pericoloso, ma il professore associato di microbiologia alimentare dell’Università della Tasmania, Tom Ross, ha assicurato che è essere sicuro per i consumatori. “Quello che potrebbe preoccupare è la trasmissione di microrganismi e germi”, ha detto. “Ma il calore nel processo di distillazione dovrebbe eliminarne la maggior parte. Il resto dovrebbe essere abbastanza innocuo perché erano già alimenti prima di iniziare, e l’unica cosa che è stata aggiunta è la saliva. Non penso che ci sia molto rischio per la salute”.

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Distilleria vende vino sputato da sconosciuti ad eventi di assaggio (trasformato in un superalcolico)