L’attrice pakistana Irtiza Rubab, 40 anni, conosciuta con il nome d’arte Meera, ha passato gli ultimi sette anni impegnata in un procedimento giudiziario per decidere se è sposata o no.

Meera è conosciuta per i suoi film pakistani di successo e acclamati dalla critica, oltre ad aver preso parte ad alcune pellicole di Bollywood. È anche famosa per la sua presenza sui social media, principalmente i suoi video e il suo stile di presentazione. Di recente, tuttavia, ha fatto notizia per un motivo diverso, una bizzarra battaglia in tribunale contro un uomo che sostiene di essere suo marito.

I problemi dell’attrice sono iniziati nel 2009 quando Ateeq-ur-Rehman, un uomo d’affari di Faisalabad, ha detto ai giornalisti che lui e Meera si erano sposati in una cerimonia privata, nel 2007. Ha presentato diverse petizioni contro Meera, sostenendo che era infelice che le non lo avesse riconosciuto come suo marito e avesse invece continuato a dire ai suoi fan e ai media che era single.

Rehman ha anche mostrato alla stampa un presunto certificato di matrimonio, sostenendo che si trattava di una prova definitiva della loro unione. L’uomo d’affari è arrivato al punto di presentare una petizione per chiedere a Meera di sottoporsi a un test di verginità come prova ulteriore del fatto che lei fosse in realtà sua moglie. Ha chiesto inoltre alla ai giudici di impedire all’attrice di sposare qualcun altro senza un divorzio legale e ha rivendicato il possesso di una parte della casa della donna.

L’avvocato di Meera, Balakh Sher Khosa, ha recentemente parlato alla BBC della domanda presentata da Rehman riguardo al “test di verginità” per dimostrare che Meera stava mentendo sul suo stato civile e sulla sua verginità: “Questa particolare richiesta è stata successivamente respinta dall’Alta Corte di Lahore. In Pakistan, tali applicazioni mediche consentono test di verginità delle donne in casi di stupro e adulterio in cui la donna deve stabilire che ha perso la verginità a causa del crimine commesso”, ha detto Khosa. “Ma in casi simili a quelli di Meera, chiamando qualcuno la loro moglie o marito, il test di verginità può essere permesso solo con il consenso della donna coinvolta. La richiesta di Ateeq era infondata – è per questo che la corte l’ha respinta”.

Meera nega con veemenza tutte le affermazioni di Rehman e insiste che lei è single. Nel 2010 ha anche presentato una contro-deniuncia contro di lui per contestare l’autenticità del certificato di matrimonio da lui prodotto. La donna afferma che Rehman, un conoscente che ha lavorato su alcuni dei suoi concerti e tour, è semplicemente disturbata e desideroso di fama.

Un giorno, dal nulla, ha presentato alcune fotografie false che affermano che siamo sposati … Come può essere autorizzato a chiamarmi sua moglie?”, Ha detto l’attrice. Meera dice che le accuse hanno danneggiato la sua reputazione, e reso difficile per lei sposarsi fino a che il caso non si risolverà. “Voglio sposarmi e avere figli; il tempo sta finendo. In effetti, il mio lavoro e il mio benessere mentale sono influenzati da tutto questo, ma continuo a lavorare e viaggiare, per fortuna non ci sono restrizioni su questo”, ha detto.

Fortunatamente per Meera, la battaglia di sette anni sembra aver finalmente raggiunto la sua conclusione. Il giudice infatti ha chiesto ai consulenti di concludere le loro argomentazioni il più presto possibile e ha dichiarato che verrà emessa una decisione definitiva del tribunale entro il 30 dicembre di quest’anno.

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Attrice pakistana è in causa da 7 anni, per dimostrare di non essere sposata