Vi fareste mettere in bocca uno snack avvolto dalle fiamme? E soprattutto.. sareste disposti a pagare per farlo? Se la vostra risposta è sì, dall’India arriva il cibo da strada che fa per voi: si tratta del fire paan.

Una tradizione… diventata incendiaria

Il paan è un piatto che fa parte della cucina indiana da diversi secoli, e nel tempo si sono sviluppate diverse varietà di questo piatto, che comunque nella ricetta base è realizzato con un misto di spezie, mukhwas (una mistura di semi a cui sono attribuite proprietà digestive), frutta secca, avvolte in foglie di betel.

Secondo la tradizione, il paan può curare un gran numero di malesseri (dai raffreddori ai mal di testa), ma per lo più viene masticato come stimolante (tanto che alcune varianti sono fatte anche con foglie di tabacco), ed è probabilmente nel tentativo di rafforzare ulteriormente l’effetto stimolante del paan che è nata la pratica di ingerirlo mentre è in fiamme.

Il paan incendiato - screenshot da YouTube

Il paan incendiato – screenshot da YouTube

Tutto grazie ad un cliente insoddisfatto

L’idea sembra sia venuta ad un ambulante di Delhi, Pradhuman Shukla, la cui famiglia ha un chiosco da oltre vent’anni, ma che proprio grazie al “fire paan” (il paan infuocato) è riuscito a far lievitare gli affari.

Avevo un cliente che veniva da me ogni giorno.  Aveva sempre la gola che gli faceva male e mi diceva: ‘Fammi un paan, ho delle ulcere in bocca’. Gli facevo un paan ogni giorno e ogni volta mi diceva: ‘Non sono gaurito'”, ha spiegato Shukla, che continua: “Poi un giorno un tipo che lavorava per me ha dato fuoco al paan e lo ha dato al cliente. Quel giorno ha detto ‘Sì, le mie ulcere sono guarite. Due uomini erano vicino a lui e quando hanno visto il paan infuocato hanno detto: ‘Cos’è questo? È un’idea nuova. Fanne uno anche per noi”.

Da allora i clienti fanno la fila per provare il fire paan: molti in effetti sono un po’ timorosi, ma solitamente la curiosità la vince e decidono. “Sappiamo che è un po’ rischioso ma alla gente piace. Ho iniziato solo con un paan ma ora ne faccio cento al giorno”, racconta Shukla, “La gente è un po’ spaventata quando lo vede la prima volta. Ma tutti lo provano. Non ha effetti collaterali, è come un normale paan. L’ho provato. E’ sicuro e non causa danni a nessuno”.

Va detto che se Shukla si è guadagnato notorietà internazionale grazie al “fire paan”, un altro venditore ambulante ne reclama la : si tratta del quarantottenne Chunni Lal, del Gujarat, che dice di avere ideato il paan infuocato dopo avere cercato per otto anni di realizzare una nuova variante per fare fronte alla pressante competizione nella sua città, e che l’idea gli sarebbe venuta pensando agli “shots” incendiati serviti nei bar.

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Fire Paan: il cibo da strada più bollente... è in fiamme!