Gli scolari della scuola elementare Benjamin Franklin di Yorktown Heights, nello stato di New York, hanno sempre fatto la loro votazione per il presidente degli Stati Uniti in parallelo a quelle vere degli adulti, e dal 1968 hanno sempre indovinato il vincitore: chi vinceva nelle votazioni tra i bambini si rivelava poi anche il vincitore nelle elezioni reali.

Ogni quattro anni, poco prima delle vere elezioni per la presidenza degli USA, la scuola allestisce delle finte urne elettorali e chiede a tutti i suoi scolari di votare, dall’asilo alla quinta elementare. L’idea è quella di sensibilizzare i bambini fin da piccoli sulla partecipazione alla vita sociale e politica (tanto più che negli Stati Uniti bisogna fare richiesta per poter esprimere il proprio voto).

L’aspetto interessante però è come si svolge il percorso che porta al voto. I bambini all’inizio non sanno i nomi dei candidati, che vengono presentati solo come “Candidato A” e “Candidato B”, e ne vengono presentati i principali punti del programma elettorale. Personalità e popolarità del candidato vengono lasciati fuori.

Poi nelle classi si discute dei vari punti, e dopo che i vari bambini hanno trovato con quale candidato anonimo si riconoscono di più, viene detto loro il nome del candidato, che poi votano.

Da quando è iniziata la tradizione di questo gioco, i voti nelle elezioni della scuola hanno riflettuto l’esito delle elezioni vere. Secondo la preside Patricia Moore, una delle spiegazioni potrebbe essere che la scuola è frequentata da bambini di diverse etnie e di diverse classi sociali, cosa che potrebbe renderla un campione abbastanza significativo della popolazione americana nel suo complesso.

Qualcuno potrebbe obiettare che i bambini non sono in grado di valutare in modo consapevole i candidati, ma del resto si può osservare neppure gli adulti lo sono: diversi studi fanno pensare che le scelte politiche sono fatte su basi emotive, ignorando i fatti e selezionando solo le informazioni che confermano le loro idee. Peraltro, sono anche molti quelli che votano un candidato senza conoscere, se non superficialmente, quello che è il suo programma elettorale, né tanto meno quello dei suoi avversari.

Ma chi è emerso dunque vincitore dalle elezioni fra i bimbi della Benjamin Franklin Elementary School? Il loro voto ha premiato di misura Hillary Clinton, che ha conquistato il 52% dei voti contro il 43% di Donald Trump. Fra poche ore sapremo se per la dodicesima volta di seguito hanno anticipato correttamente il risultato delle elezioni reali.

 

news

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Scuola elementare predice il vincitore delle elezioni USA dal 1968 (e lo indovina)