Un ex capitano della polizia della Florida è stato arrestato per omicidio dopo una sparatoria in un cinema, in cui è rimasto ucciso il quarantatreenne Chad Oulson.

Secondo l’accusa, il settantunenne Curtis Reeves e la vittima avrebbero iniziato a litigare perché Oulson stava mandando dei messaggi con il cellulare durante i trailer prima del film. Reeves gli avrebbe chiesto di smettere ma Oulson avrebbe rifiutato, e la discussione sarebbe degenerata.

non capiamo perché siano consentite le pistole dentro ai cinema americani

L’avvocato di Reeves sostiene che l’ex-poliziotto ha fatto fuoco per legittima difesa, ma l’unica cosa certa al momento è che Oulson, sposato e padre di una bambina, è morto con una pallottola al cuore.

Il giudice ha imposto a Reeves una cauzione di 150.000 dollari e gli arresti domiciliari fino al processo: l’uomo potrà però comunque andare in chiesa, dal dottore e a fare la spesa. Dovrà anche consegnare tutte le armi da fuoco di cui è in possesso.

news