Una coppia della California non ha portato la figlia in ospedale se non dopo cinque ore che era stata ferita in una sparatoria, perché erano convinti che avesse le mestruazioni e che il sangue fosse dovuto a queste.

La ragazzina di dieci anni stava dormendo in camera sua, quando è stata colpita da un proiettile vagante al sedere. Quando si è svegliata in preda al dolore, con le mutande sporche di sangue, i genitori hanno pensato che stesse iniziando ad avere le mestruazioni.

Solo quando la mattina dopo la ragazzina era ancora dolorante, i genitori hanno deciso di portare la figlia in ospedale. I medici quando la hanno visitata hanno trovato la ferita di arma da fuoco, anche se ammettono che la ferita non era molto visibile, e riconoscono che se i genitori erano convinti che il sangue fosse dovuto al menarca, è comprensibile che non si siano accorti della ferita.

i genitori non avevano immaginato che un proiettile vagante avesse potuto colpire la figlia

Loading...

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Genitori non portano in ospedale la figlia ferita in sparatoria: “pensavamo avesse le mestruazioni”