Mondo Motori

Gaffe Bugatti: negli USA in vendita l’auto color “giallo stupro”

Le traduzioni possono a volte giocare pessimi scherzi, anche ad aziende che investono molti soldi nella propria immagine.


E’ il caso della casa automobilistica Bugatti (ora francese e parte del gruppo Volkswagen), che negli USA, all’interno del suo configuratore online tra le varie opzioni di colore disponibili prevede il “rape yellow“, il “giallo stupro”, appunto. Almeno come il termine viene interpretato dalla grandissima maggioranza dei visitatori di lingua anglo-americana.

In realtà, si tratta di una traduzione formalmente corretta ma “culturalmente” errata, perché il termine vorrebbe essere inteso come “rape” nel senso di “stupro” ma come abbreviazione di “rapeseed“, o come il termine effettivamente presente nel dizionario  “rape” (scritto nello stesso modo ma pronunciato in modo diverso, come ra-pey), che identifica il fi0re di colza.

I rivenditori della Bugatti negli USA non nascondono un certo imbarazzo per l’indesiderato “doppio senso”, ma spiegano anche: “i nostri acquirenti non usano il configuratore per scegliere la loro auto”, con quest’ultimo che costituisce poco più che un gadget per chi una Bugatti non può permettersela. Con costi che superano tranquillamente il milione e mezzo di Euro, infatti, le Bugatti sono costruite totalmente su misura delle richieste e dei desideri del cliente.

Bugatti

Loading...