Un giovane 19enne di Edmonton (Canada), Michael Letendre, doveva recarsi per un incontro con il “probation officer” (il pubblico ufficiale cui è affidato il controllo di chi è sottoposto a regime di libertà vigilata o è affidato ai servizi sociali), per verificare la sua buona condotta e quindi la possibilità di mantenere la libertà vigilata anziché scontare in prigione la pena che gli era stata comminata per un piccolo reato.

Michael però era in ritardo, ed essendo stato ripreso già altre volte per dei suoi ritardi, che gli potevano costare l’accusa di mancato rispetto delle regole della libertà vigilata.

bicicletta

Il furto del giovane è stato però scoperto, ed è finito davanti al giudice per avere commesso un reato mentre era in libertà vigilata, che quindi poteva essere interrotta, facendo finire il ragazzo in prigione.

Anche l’avvocato difensore ha dovuto riconoscere la stupidità del gesto del ragazzo, riconoscendo che il furto “sfida la logica, non c’è nessuna giustificazione”, non potendo fare altro che appellarsi alla clemenza della corte. Ma se si arriva al punto che il vostro avvocato deve utilizzare come difesa che siete uno stupido, uno dovrebbe farsi delle domande…

Ottawa Sun | foto

Loading...

2 commenti

Condividi la notizia

notizie.delmondo.info è un blog gratuito. In cambio ti chiediamo un favore: condividi la notizia se l'hai trovata interessante

Ruba bicicletta per andare al colloquio per la libertà vigilata