Mondo Salute

Lavavetri di New York cade dal 47° piano: se la cava con qualche giorno di ospedale

Alcides Moreno era al lavoro il 7 dicembre scorso con suo fratello su un impalcatura mobile, impegnato a lavare i vetri di un palazzo, quando l’impalcatura ha ceduto, per motivi che non sono ancora chiariti. Il volo è stato impressionante: sono volati giù dal 47esimo piano, più di 150 metri di caduta libera. E il fratello di Moreno non ha avuto scampo, morendo sul colpo. Ma Alcides invece è sopravvissuto: trasportato all’ospedale, le sue condizioni sembravano disperate. Fratture multiple a braccia e gambe, costole rotte, traumi interni, emorragia cerebrale. Condizioni precarie precarie che i dottori l’hanno addirittura operato sul lettino dell’ambulanza, perché temevano che gli scossoni per trasportarlo in sala operatoria avrebbero potuto ucciderlo. Condizioni comunque fortunate per uno che ha fatto un volo del genere: l’uomo ha anche avuto la fortuna di non avere danni alla spina dorsale, che lo avrebbe condannato alla paralisi a vita, cavandosela solo con una compressione vertebrale.


Ma dopo nemmeno un mese dall’incidente, Moreno è già in via di guarigione: riesce a muoversi, anche se non alzarsi dal letto, e a parlare.  I dottori spiegano che non hanno mai visto una guarigione così veloce da ferite tanto gravi: “se uno crede nei miracoli, questo è certamente uno”, spiega il primario dell’ospedale.  La moglie dell’uomo racconta che Alcides le ripete che “semplicemente non era il suo momento”. I medici sono ottimisti, e spiegano che Moreno può andare incontro ad un completo recupero, anche se dovrà essere sottoposto ancora ad alcune operazioni.

Yahoo! News 

[tags]New York, Alcides Moreno, grattacielo, lavavetri, caduta, fortuna, notizie strane notizie curiose[/tags]

Loading...