Motori

Sei calvo? Niente licenza da tassista

NANCHINO – Non sono poi troppo lontani i tempi in cui il regime cinese dettava le regole di abbigliamento alla popolazione del gigante asiatico. Nonostante da anni a nessuno venga imposto come vestirsi scegliendo tra una gamma di fogge limitatissima e decisa nelle riunioni del Partito Comunista, alcuni rigurgiti del passato tornano a rifare il look alla gente. E’ il caso della città di Nanchino, capitale della provincia orientale dello Jiangsu, dove i tassisti potranno conservare la licenza solo se cureranno il proprio aspetto.
Il sito di notizie online cinese www.com.cn, citando il Nanjing Morning Post, riferisce che le autorità di Nanchino impediranno di esercitare l’attività a tutti i tassisti che guideranno con capelli troppo lunghi, acconciature stravaganti, baffi, pizzetto o un trucco troppo vistoso. E fin qui, si può rimediare. Il problema sorge per quegli autisti che la natura, e non il libero arbitrio, hanno reso calvi: attività interdetta anche a loro. Le nuove regole rientrano in un piano in 10 punti per tirare a lucido la città, che ospiterà a ottobre la decima edizione dei Giochi nazionali, che attireranno visitatori da tutto il Paese. L’articolo non menziona eventuali sanzioni pecuniarie per chi infrange le regole.
06 settembre 2005
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/09_Settembre/06/nanchino.shtml


Loading...