ISC – Indice Sintetico di Costo

L’I.S.C. (Indice Sintetico di Costo), precedentemente noto come T.A.E.G. (Tasso Annuale Effettivo Globale) è un indice che misura il costo totale per il consumatore del credito, il cui metodo di calcolo è uniformato a livello europeo, e la cui inclusione nei contratti di credito è obbligatoriamente prevista dalle Direttive dell’Unione Europea.


L’ISC è la misura più completa del costo, in quanto include, oltre agli interessi (ed in particolare al TAN), anche tutti gli altri oneri si cui è necessario farsi carico, in particolare le spese di emissione. Non tutti i tipi di spese però sono però incluse nel calcolo, ed in particolare viene talvolta contestata l’assenza delle commissioni di massimo scoperto: va però evidenziato che l’ISC non ha lo scopo di misurare il costo uno scoperto di conto corrente (cui è solitamente sono legate le commissioni di massimo scoperto), ma quello di un prestito o di un finanziamento, nei quali la somma finanziata è nota a priori. L’utilizzo dello scoperto di conto corrente come forma di finanziamento è da considerarsi improprio, e non dovrebbe essere fatto in modo premeditato.

Torna al glossario dei termini di finanza

Post collegati nel blog:

[tagpost]prestiti, isc, taeg[/tagpost]

Inserisci un commento